sabato 25 marzo 2017

Zuppa di roveja e tarassaco


Con questa ricetta ho voluto celebrare un ingrediente tipico della prossima tappa dove vi porteremo a breve: l'Umbria. L'ingrediente protagonista è la roveja, un'antica varietà di pisello che, a vederla, a me ricorda sempre dei grossi grani di pepe colorato! Quella di Civita di Cascia è Presidio Slow Food, e si semina a marzo per poi raccoglierla tra fine luglio e inizio agosto. Un legume ricco e sicuramente gustoso per preparare ottime zuppe caserecce, ma non solo: dalla macinazione della roveja si ottiene infatti anche una farina con cui preparare una classica "farecchiata", ossia una polenta dal gusto delicato e lievemente amarognolo, che potrebbe accompagnare, ad esempio, un piatto di seppie in umido, ma anche essere servita con qualche filetto di guanciale.

La zuppa che vi propongo è molto facile da preparare; la parte più "rognosa" è aspettare 12 ore di ammollo della roveja (io l'ho comprata secca).

Ingredienti:
- 150g di roveja secca messa in ammollo
- 2 carote di medie dimensioni (o 1 batata)
- mezza cipolla bianca
- 1 mazzetto di tarassaco (calcolate che in cottura riduce di molto il suo volume)
- 150g di farro decorticato

Procedimento:
- Dopo l'ammollo della roveja, fate rosolare la cipolla su una pentola a bordi alti, aggiungete le carote o la batata a dadini e, successivamente, la roveja e il tarassaco; mescolate velocemente, poi aggiungete il farro e infine l'acqua per il doppio del volume
- Fate cuocere a fuoco lento per circa 1 ora dall'ebollizione, aggiustando di sale
- Quando servite, insaporite con del buon olio evo, eventualmente con qualche fettina sottile di guanciale o una crosta di parmigiano 

Nessun commento:

Posta un commento