venerdì 13 gennaio 2017

Trattoria "Al Torcio": sentirsi di casa a tavola



Estate 2015: diretti verso Moena, passando per una strada che collega il piccolo paesino di Quero a Feltre, ci fermiamo in una trattoria che più volte, di passaggio, ci aveva incuriosito e attirato per lo splendido colore rosso mattone all'esterno e l'ambientazione molto suggestiva immersa in un bellissimo scorcio di montagne verdi.
La classica situazione quando si scova un locale nuovo che ci incuriosisce ma "sarà buono?", "cosa dicono su Tripadvisor?". E noi guardiamo anche su Tripadvisor e vediamo che il locale ha anche una buona media di stelle, ma sarà davvero così? Alla fine, non resta che entrare, sedersi, e vedere che succede; a volte la curiosità ci porta a grandissime sorprese! 
Quando giungiamo "Al Torcio" ad accoglierci c'è Silvia, una premurosa e giovane padrona di casa che ci fa sentire subito accolti e a nostro agio mentre ci accompagna al tavolo, all'aperto. La prima cosa che colpisce è la tranquillità che riempie lo spazio intorno a noi, c'è qualche altro cliente ma non c'è confusione, e neppure eccessivo silenzio sgradevole, anzi: una bella atmosfera di casa che ci fa rilassare e godere di quello che ci circonda.

La trattoria, scopriamo, propone piatti di base casalinga con elaborati con creatività e rivisitazioni dallo chef Nicola, ma la vera specialità è la carne alla griglia, dei cui tagli selezionati Silvia ci descrive accuratamente le caratteristiche. Scegliamo una fiorentina da 1,2 chili e un paio di piatti più casalinghi accompagnati da un buon calice di rosso della casa. E' la prima volta che mangio una fiorentina: ci viene servita su un piatto di ghisa rovente al tavolo; la prima sensazione in bocca è piacevolissima: si scioglie in bocca in un morso morbido e giustamente saporito che invita subito a prenderne un altro ma sempre gustandosi boccone per boccone: non ci lasciamo sfuggire degli sguardi piacevolmente soddisfatti che sembrano gratificare anche Silvia, che ci sorride compiaciuta.

Da allora siamo tornati "Al Torcio" almeno una decina di volte, pur non essendo molto di strada da casa nostra, ed è ogni volta una piacevole tappa arricchita dalla simpatia e amicizia regalataci sempre da Silvia e Nicola, e dalla naturale bellezza dell'ambientazione del locale. Durante l'inverno bello è il tepore di questa trattoria, non troppo grande ma dal clima famigliare dove ogni tanto si sente aprire la porta e sfrigolare portate di carne alla griglia decisamente ottima.
Anche i primi e secondi piatti sono preparati con cura e in tavola ritroviamo il piacere di gusti genuini, stuzzicati dalla presentazione delle portate sempre invitante. 
Infine, una carta vini con etichette locali, regionali e internazionali in continuo aggiornamento! 
E se ancora non siamo stati convincenti, eccovi le foto della cena dell'ultimo dell'anno sperando di farvi venire l'acquolina in bocca! 

Millefoglie di caprino e mele su cialda di castagne e salsa di miele

Flan di zucca con crema di Morlacco e granella di nocciole

Tagliatelle con pesto di porcini, guanciale affumicato e pinoli tostati

Tagliata di controfiletto di Black Angus

Costolette di agnello alla brace con lardo di Colonnata

Bracioline di cinghialetto

Cheesecake ai frutti di bosco e amaretti

I vini: "Vigneti di Foscarino" Soave Classico DOC 2014 az. Inama (http://www.inamaaziendaagricola.it/),
"L'Arco" Valpolicella Ripasso Classico Superiore DOC 2012 az.  Luca Fedrigo (http://www.larcovini.it/)
"Sileno" Cannonau di Sardegna DOC 2013 az. Ferruccio Deiana (http://www.ferrucciodeiana.it/)





Per ulteriori informazioni:

Nessun commento:

Posta un commento