sabato 7 gennaio 2017

La befana vien di notte!


Ogni anno si dice che l'"Epifania tutte le feste porta via", e quest'anno le feste sono davvero volate! Ma ancora adesso è bello svegliarsi la mattina e trovare sotto il camino una piccola calza preparata per noi che ancora scartiamo curiosi per sapere cosa ci sia dentro!
Ad accompagnare questa festa di origine cristiana, ma a cui sono legati soprattutto diversi aspetti folcloristici, sulle nostre tavole non può mancare la consueta "pinza", nata come dolce "povero", una ricetta tramandata un po' da ogni nonna e mamma e che ogni anno prepariamo con piacere per festeggiare l'arrivo della "befana", sperando che non ci porti il carbone :-) 
Ad accompagnare questo dolce gustoso, non manca una bella tazza di vin brulè!


Oggi per preparare la pinza andiamo a comprare gli ingredienti che ci servono, tuttavia è nata come dolce di "recupero", e per prepararla venivano utilizzati vari ingredienti avanzati a partire da pane raffermo ammollato nel latte, e arricchito di altri elementi gustosi come frutta secca, uvette, mela e semi di finocchio.

Ingredienti:
- pane raffermo q.b.
- 1,5 litro di latte per kg di pane (se il pane si asciuga tanto, aggiungerne man mano)
- 1 manciata di : uvetta, frutta secca (fichi, pinoli...), semi di finocchio, bucce di arancia candita a dadini
- 1 mela
- 2 cucchiai di zucchero

Procedimento:
- Ammollate il pane raffermo nel latte anche per una notte intera; se vedete che è necessario, aggiungete del latte qualora il pane risulti troppo asciutto
- Trascorso il tempo di ammollo aggiungete tutti gli altri ingredienti impastandoli bene e verificando che la dolcezza sia di vostro gradimento (contate che diversi ingredienti rilasceranno dolcezza, come le uvette, la mela, i fichi secchi ecc)
- Trasferite su una teglia rettangolare preventivamente "sporcata" di pan grattato l'impasto e infornate a 180° per circa un'ora: il tempo di cottura dipende molto anche dal forno, verificate la cottura con la prova dello stuzzicadenti e lasciando che si formi una bella crosticina in superficie

La ricetta del vin brulè invece vi rimando qui:







Nessun commento:

Posta un commento